Quel rettangolo verde chiamato Auschwitz

Home / News / Quel rettangolo verde chiamato Auschwitz

Quel rettangolo verde chiamato Auschwitz

Quel rettangolo verde chiamato Auschwitz

Gli ultimi giorni hanno messo l’uno accanto all’altra, surrealmente accomunandoli, due personaggi apparentemente così distanti tra loro come Mario Balotelli e Liliana Segre.
La mia piccola competenza giuridica mi porta subito a quella “pari dignità sociale, senza distinzioni di sesso, di razza - [finché dura…: qualcuno vorrebbe eliminare questa parola; io sommessamente dissento] - , di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali” che i nostri Padri costituenti hanno scolpito all’art.3 della Carta, senza neppure immaginare che qualcuno dei loro “figli” avrebbe potuto dimenticarne qualche pezzettino.
E visto che parliamo di padri buoni e di figli sciagurati, si può tentare di giocare con le parole: “odio, … o Dio?”
Tra 100 anni, a voler essere molto ottimisti, sia Balottelli che la Segre si troveranno nello stesso luogo in cui troveranno posto coloro che li minacciano, li insultano o comunque in qualche modo li insidiano.
Il grande Totò, lui che era Principe (e non solo della risata), ci ricordava e ci ricorda che tutti, nessuno escluso e senza possibili sconti, “… appartenimm a morte”.
E, forse, anche a qualcos’altro, ad essa strettamente avvinto.
Sarà il caso di ricordarselo già quaggiù, se non si vuole rischiare di essere, nella migliore delle ipotesi, delle opache e sterili comparse.

ASCOLTA GIULIO BACOSI (dal notiziario nazionale di ItaliaStampa del 8 Novembre 2019, ore 15)

(Giulio Bacosi)

Leave a Reply

Your email address will not be published.