Rivista democrazia nelle regole

DNR Italia

Newsletter

captcha

I nostri Partners

 

ministero-interno

 

 

miur

UNAR

 

Laboratorio Pubblica Amministrazione

 

 

logo lape

 

sorella natura

 

noi cittadini
Associazione Fabrizio Procaccini Onlus
sintesi dialettica

forum cpv

A+ A A-

Costume e Società (24)

PriebkeLe Fosse Ardeatine sono un monumento.

Un monumento alla Memoria.

Le atrocità della guerra hanno ivi trovato una plastica, assai macabra icona.

Ancor più grave non pentirsi di quanto fatto.

Rifiutare l'eventuale perdono.

Scansarsi più in là, indifferente, rispetto ad un passato assai più che ingombrante.

Ma dare sepoltura ad un corpo è previsto dalla Legge.

Più precisamente, dalle norme di polizia mortuaria.

Siano scongiurate le provocazioni.

E, nel silenzio, si trovi una soluzione.

Che può anche essere il fuoco purificatore...

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2013/10/11/Erich-Priebke-morto-_9445529.html

 

Comments ()
14-10-2013 17:21
Pubblicato in Costume e Società
Scritto da
Leggi tutto...

Vangelo 061013Un figlio chiede ai genitori una ricompensa perché è stato bravo a scuola.

E quei genitori, amorevoli ma saggi, rispondono che ha fatto solo il suo dovere.

Quel che doveva fare.

Un regalino, semmai, è qualcosa in più.

Tutti noi siamo servitori nella vita.

Abbiamo dei doveri (talvolta inderogabili, come nel caso della solidarietà: art. 2 Cost.).

E quando abbiamo adempiuto a detti doveri, nessuna ricompensa ci spetta.

Abbiamo fatto quanto dovevamo fare.

Siamo tutti servitori: "ministri", come più volte abbiamo etimologicamente rammentato su queste Colonne.

Ci sono "ministri" con maggiori doveri e responsabilita'; ministri con minori.

Quel che è certo è che l'umiltà dello scoprirsi servitore è la sola strada per accrescere la Fede.

Si è mai visto un tracotante che ha bisogno di avere fede in altri che non sia sè stesso...?

 

 

 

Potenza della fede

[5]Gli apostoli dissero al Signore: [6]«Aumenta la nostra fede!». Il Signore rispose: «Se aveste fede quanto un granellino di senapa, potreste dire a questo gelso: Sii sradicato e trapiantato nel mare, ed esso vi ascolterebbe.

Servire con umiltà

[7]Chi di voi, se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dirà quando rientra dal campo: Vieni subito e mettiti a tavola? [8]Non gli dirà piuttosto: Preparami da mangiare, rimboccati la veste e servimi, finché io abbia mangiato e bevuto, e dopo mangerai e berrai anche tu? [9]Si riterrà obbligato verso il suo servo, perché ha eseguito gli ordini ricevuti? [10]Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare».

 

Comments ()
06-10-2013 11:59
Pubblicato in Costume e Società
Scritto da
Leggi tutto...

eleonora cantamessaNoi laggiù abbiamo due Marò.

Loro qui hanno individui che si ammazzano tra loro.

E ammazzano chiunque si immischi nelle loro beghe.

Compreso il medico che, ascoltando il grido del suo dovere, si ferma a soccorrere uno di loro agonizzante...

Merita una medaglia al valore, la dottoressa italiana.

E un bella telefonata delle nostre Autorità alle indiane.

Per informarle di che pasta siamo fatti noi.

E ricordargli di che pasta sono fatti loro.

Medaglia al valore civile, si diceva.

La dottoressa ha adempiuto al suo dovere inderogabile di solidarietà (nel caso di specie, sociale) di cui all'art. 2 Cost.

E si chiamava Cantamessa.

Che non è un mero dettaglio...

Fonte ANSA

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2013/09/09/Rissa-bergamasco-dottoressa-muore-mentre-soccorre-ferito_9268925.html

 

Comments ()
10-09-2013 14:35
Pubblicato in Costume e Società
Scritto da
Leggi tutto...

sms-adolescentiCome è cambiata la nostra vita con i telefonini? Le immagini del video forse sono surreali, ma credo che rispecchino anche il nostro modo di vivere.

Non sono i telefonini a essere sbagliati, ma il modo con cui spesso li utilizziamo, rischiando di dimenticarci della bellezza delle relazioni interpersonali.

E la cosa più grave è che smartphone e simili stanno coinvolgendo anche gli adolescenti.

Ciò che doveva renderci più liberi, ci sta rendendo schiavi? Voi cosa ne pensate?

Comments ()
29-08-2013 09:37
Pubblicato in Costume e Società
Scritto da
Leggi tutto...

notte foriSe confermato, quello dell’autorevole quotidiano telematico Affari Italiani si rivelerebbe un gustoso scoop. Marino risparmia quando gli fa comodo, ma se si intestardisce su un’idea la realizza a forza, costi quel che costi. E così ci si rende conto che se i Fori pedonali hanno un costo per la collettività, anche la festa per l’iniziativa voluta fortemente è costata, e a pagarla sono i cittadini. Non una gran cifra, ma con quella sommetta (secondo Affari più di 200mila euro) si poteva fare altro.
Affaritaliani.it ha visionato con molta attenzione il documento di spesa che accompagna l’organizzazione della notte dei Fori. Ecco allora le voci di spesa una ad una.
10 mila euro è il compenso di chi camminerà su una corda durante i 10 minuti di silenzio che ricorderanno lo scomparso inventore dell’Estate romana, Renato Nicolini. Per rendere più suggestivo lo spettacolo è previsto ma non ancora definito il lancio di simboliche lanterne dei desideri.
20 mila euro, invece, è il cachet di e compagnie di teatro di strada che eseguiranno 2 mini spettacoli durante l’arco della serata.
9 mila euro è invece il prezzo per avere la certezza dell’apertura dei Mercati di Traiano, e dei Fori di Augusto e Cesare dalle 22 alla mezzanotte passata. Nel costo sono compresi i custodi e le guide.
4 mila euro andranno all’associazione La Bilancia che, all’interno del Foro di Cesare metterà in scena lo spettacolo “Shakespeare loves Rome”.
25 mila euro è invece il prezzo da pagare per permettere a sindaco e ospiti di salire sul palco insieme a ospiti e testimonial e per dare un posto visibile al concerto finale dell’Accademia di Santa Cecilia, ai quali vanno aggiunti 10 mila euro di mini palco per i saltimbanchi.
4 mila euro verrano pagati a chi è stato incaricato di spulciare nelle teche per selezionare e montare filmati e immagini che ritraggono Renato Nicolini.
12 mila euro è il costo da aggiungere alla precedente voce per l’impianto di proiezione delle immagini e del video, insieme alla pratiche burocratiche.
8 mila euro è il costo del lavoro dell’Ufficio Stampa del Campidoglio (a proposito ma non sono dipendenti?), ai quali vanno aggiunti security, hostess e steward per altri 8 mila euro più 5 mila per diritti Siae ed Enpals per gli artisti.
2 mila euro per l’assicurazione di tutti coloro che saranno impegnati nella notte.
25 mila euro ad Ama per l’installazione dei bagni chimici e la pulizia delle aree a notte fonda.
42 mila euro all’Acea per accendere e spegnere le luci dell’area, secondo il “sogno” del buio delle auto e della luce sulla pedonalizzazione.
10 mila euro per l’assistenza del 118.
2 mila euro di rimborsi ai volontari della Protezione civile.
24 mila euro è invece il costo della “macchina organizzativa” tra vigili urbani (10 mila euro), impiegati del Comune (6 mila euro) e il coordinamento della Protezione Civile.
Il totale della kermesse di una notte d’agosto è di 220 mila euro. Chi paga?

 

Fonte: Online News

Comments ()
04-08-2013 08:41
Pubblicato in Costume e Società
Scritto da
Leggi tutto...

cameraHo letto e apprezzato, sul Corriere di oggi, l'articolo di Piero Ostellino.

Che, forse, meritava un locus maggiormente accurato sulle pagine del noto quotidiano.

"Per quanto abbia cercato di individuare .... ragioni eticamente immanenti al progetto di legge contro l'omofobia...", afferma Ostellino, "...non riesco a capire perchè picchiare un omosessuale sarebbe un aggravante, mentre picchiare me - che sono "solo" un essere umano senza particolari, selettive e distintive, qualificazione sessuali sarebbe meno grave. Picchiare qualcuno è un reato- Punto, basta e dovrebbe bastare".

Mi pare, da giurista e da cittadino, osservazione ineccepibile.

Soggiunge Ostellino come ".... del resto, la nostra stessa Costituzione, all'art. 3, già esclude la discriminazione per ragioni di sesso.... Mi pare, invece, che il progetto di legge contro l'omofobia ripristini, alla rovescia, la discriminazione, creando un surreale, e inquietante, precedente. Poichè, in certi ambienti, la solidarietà sessuale rasenta il (legittimo) lobbismo, che facciamo, allora? Approviamo una legge che tuteli gli eterosessuali contro questa forma indiretta di discriminazione omessuale nei loro confronti?".

Conclude l'apprezzato giornalista: "Ad una persona di normale buon senso non verrebbe mai in mente, nel mondo in cui viviamo, non dico di picchiare, ma neppure di insultare e discriminare l'omosessuale. In tutta evidenza, non c'è bisogno di una legge contro l'omofobia, e impegnarne il Parlamento è un anacronismo persino ridicolo e pericoloso. La smania iper legislativa non realizza la democrazia, ma ne è la patologia che distrugge le libertà liberali".

Se si esclude il passaggio sul legittimo lobbismo, condannato di recente da Papa Francesco in quanto tale, davvero nulla da dire.

Rallegramenti per sintesi, chiarezza e precisione.....

Fonte CORRIERE DELLA SERA DI SABATO 3 LUGLIO 2013, PAG. 40.

Comments ()
03-08-2013 11:44
Pubblicato in Costume e Società
Scritto da
Leggi tutto...

Lui ora vuole fare il "testimonial della Legalità".

Noi, che di Legalità ci occupiamo per vocazione, lo aspettiamo.

Aspettiamo che si collochi "nelle Regole", e che impari a conoscerle.

Partendo, ovviamente, dalla Costituzione.

Non si diventa "testimonial" di Legalità partecipando ad associazioni.

Lo si diventa imparando a conoscere le Regole.

Lo si diventa facendo innamorare gli altri delle Regole.

Una cosa alla portata di chiunque.

Anche di chi, fin qui, è stato delinquente abituale: sol che lo voglia davvero.

Figurarsi il Maradona del Salento...

Fonte ANSA

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2013/06/27/Miccoli-lacrime-chiedo-scusa-tutto_8936049.html

 

Comments ()
27-06-2013 15:15
Pubblicato in Costume e Società
Scritto da
Leggi tutto...

La tecnologia nelle mani sante del Pontefice.

Che incita al coraggio, e a mettere da parte atteggiamenti "mediocri".

Il cristiano autentico - e, sul piano laico, il cittadino autentico - non soffre di vigliaccheria.

Testimonia con forza il suo credo.

Rispettando, certo, chi la pensa diversamente.

Ma senza alcun discesso dalle sue convinzioni.

Occorre insomma l'ottimale moderazione (aurea mediocritas) di oraziana memoria.

Non la vile mediocrità del fifone ...

Fonte ANSA

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/associata/2013/05/07/Papa-accontentatevbi-una-vita-cristiana-mediocre_8665450.html

 

Comments ()
07-05-2013 18:14
Pubblicato in Costume e Società
Scritto da
Leggi tutto...

papafrancesco giovani cresimandiE' l'omologazione uno dei mali peggiori.

E quando si associa ad un "non fare", essa diventa una pericolosa omologazione all'inerzia.

Sovente, si tratta poi di una inerzia che va a braccetto con l'ignoranza, etimologicamente intesa.

Quel "non sapere" nel quale talvolta ci si crogiola, autodistruggendo se stessi e la società.

Andare controcorrente significa sforzarsi di "fare".

Significa, prima ancora, sforzarsi di "sapere".

E significa "amare", predicandolo senza timidezza.

Grazie Papa Francesco...

Fonte ANSA

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/politica/2013/04/28/Migliaia-giovani-San-Pietro-Papa-cresima-44_8623368.html

 

Comments ()
29-04-2013 11:31
Pubblicato in Costume e Società
Scritto da
Leggi tutto...

E' la regola delle regole.

E, a differenza di molti dei Comandamenti di Mosè, è una regola "positiva".

Essa impone un "fare", uno spendersi in prima persona.

Non uccidere, non rubare, e via dicendo, trovano una sintesi in: Ama!

Quello che, laicamente, si compendia nel doveri dei doveri.

Quello inderogabile di solidarietà politica, economica e sociale (art. 2 Cost.).

Ed essere solidali, aperti, cosa significa se non amare....?

 

Comments ()
28-04-2013 09:05
Pubblicato in Costume e Società
Scritto da
Leggi tutto...

Pubblicazioni

Cittadino d' Italia

Cittadino d' Italia

Lezioni Giuridiche

Lezioni Giuridiche

Spigolature di Giurisprudenza (mensile)

Spigolature di Giurisprudenza (mensile)

Appunti per una Costituzione alla luce del Vangelo

Appunti per una Costituzione alla luce del Vangelo

Copyright 2001-2012 © Sodalitas - P.IVA 10240941004. Tutti i diritti riservati
powered by gogodigital.it - wide ict solutions
gogodigital realizzazioni siti web roma

Accedi or Registrati

LOG IN

Registrati

User Registration
or Annulla

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per le sue funzionalità.I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information